Lorenzo Invernici | Hasselblad H4d 40 vs Nikon D800e
464
post-template-default,single,single-post,postid-464,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,paspartu_enabled,qode_grid_1300,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-9.0,wpb-js-composer js-comp-ver-4.6.2,vc_responsive

26 Jul Hasselblad H4d 40 vs Nikon D800e

Ho deciso di confrontare i file prodotti da due mostri con un alto numero di megapixel: Hasselblad H4d 40 (40 mpx) e Nikon D800e (36 mpx).

Cosa NON andrò a testare: perchè chiaramente nikon vincerebbe sull’hasselblad per via del sensore CMOS che è molto più performante del CCD per quanto riguarda la tenuta alle alte sensibilità. L’hassy non è una macchina dedicata all’utilizzo in condizione di luce difficile.

Ho deciso di confrontare le due macchine nel campo della ritrattistica, con un completo annullamento della luce ambiente per rendere visibile solo la luce flash (in modo da non avere variazioni sensibili di temperatura colore tra uno scatto e l’altro).
Sull’H4d ho montato un hcd 80mm 2.8 mentre sulla D800e ho usato un 85mm 1.4D. Ho deciso di non usare una focale equivalente (l’80 hasselblad su formato 35mm equivale circa a un 60mm) perchè le alternative in casa nikon (24-70mm / 50mm) avrebbero perso molto in termini di nitidezza e passaggi tonali rispetto alla controparte medio formato. (quando ho scritto questa recensione non era ancora disponibile il 58mm 1.4 Nikkor)
Dunque la D800e con l’85 sarà posizionata leggermente più indietro come punto di ripresa, in modo da avere una inquadratura il più possibile identica.

Per quanto riguarda i flash, sono stati usati degli Elinchrom Quadra RX con Testa “A”: la luce principale in un beauty dish silver, una in uno snoot come hair light. Un flash sb910 con filtro CTO (arancione) è stato inserito nella bajoure per simulare che la luce fosse accesa.
Per quanto riguarda i dati di scatto abbiamo usato la stessa identica esposizione:
iso 100, f8 , 1/250″ (limite del sincro flash sulla nikon) wb 5600°

Dopo i primi scatti ho notato subito, guardando il monitor posteriore delle due macchine, che l’hasselblad ha uno schermo molto meno definito ma molto più accurato per quanto riguarda la resa cromatica, mentre quello della D800e ha una leggera dominante verdognola (che se non sbaglio è stata corretta con gli ultimi firmware)

Una volta fatti gli scatti abbiamo iniziato il confronto dei file sul computer, eccovi i risultati:
Nitidezza:
Se la giocano alla pari. La h4d ha una resa leggermente migliore, ma veramente di poco. Entrambe producono dei file con dettagli altissimi, ed entrambe soffrono allo stesso modo di moirè.
H4d 1 – 1 D800e

Resa Cromatica:
Qui il CCD dell’h4d mostra tutto il suo vantaggio: la resa cromatica dell’hasselblad è di qualche gradino sopra quella della nikon. Come si può vedere dall’immagine, l’hasselblad ha una resa più fedele dei colori e non mostra dominanti. Le tonalità della pelle sono realistiche e hanno più passaggi tonali rispetto alla d800e che invece tende a portare la tonalità della pelle sul giallognolo e perde alcuni passaggi tonali nelle alte luci.
H4d 2 – 1 D800e
Hasselblad h4d 40 vs nikon d800e - Color gamma

Recupero delle ombre:
Entrambe hanno una capacità di recupero eccezzionale delle ombre, la d800e ha forse un leggero vantaggio nei recuperi più estremi, dove l’area recuperata mostra meno noise rispetto all’hasselblad.
H4d 2 – 1.5 D800e
 

Recupero delle alte luci:
Anche qui entrambe le macchine hanno una capacità molto elevata nel recuperare le zone bruciate; nessun vincitore.
H4d 3 – 2.5 D800e

 

Conclusione:
L’hassy ha vinto, seppur di poco. Per alcuni quello 0.5 di differenza può valere la differenza di prezzo di circa 13k €, per altri invece è più conveniente restare sul 35mm. Ci sono tanti elementi che nel mio caso mi hanno fatto preferire l’hasselblad: sincro flash fino ad 1/800 e sistema true focus tanto per citarne un paio.

No Comments

Post A Comment