Lorenzo Invernici | Hard Drive Fail – Keep Calm!
220
post-template-default,single,single-post,postid-220,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,paspartu_enabled,qode_grid_1300,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-9.0,wpb-js-composer js-comp-ver-4.6.2,vc_responsive

13 Jan Hard Drive Fail – Keep Calm!

Ieri sera dopo una giornata di shooting con alcuni amici in armatura medioevale (tenete d’occhio il blog nei prossimi giorni per vedere le immagini), ho collegato il mio HD portatile sul quale ho scattato in tethering al Mac Pro dello studio.

L’idea era quella di copiare le immagini su un’altro disco (I° backup) per poi eseguire un’altra copia di sicurezza (II° backup, perchè non sono già abbastanza paranoico).
Una volta collegato il laCie rugged al Mac Pro il disastro: il disco è stato rinominato in “mybook” ed è stato completamente formattato. Ho fatto qualcosa di sbagliato? Colpa mia? No… Mavericks, l’ultimo sistema operativo Apple, ha questo meraviglioso bug in cui quando va in conflitto con qualche app (internet suggerisce app di gestione drives tipo WD drive), prende il disco esterno che è stato collegato, corrompe la tabella delle partizioni, cancella tutto e lo rinomina.

Una delle cose che odio più al mondo è proprio quella di perdere i miei dati, soprattutto perchè uso mille accorgimenti per avere sempre almeno 3 copie di tutto, quindi potete immaginare il mio stato d’animo nel vedere che tutto il mio shooting della giornata era sparito (si perchè scattando in tehtering, l’hasselblad non tiene salvate le foto anche sulla CF interna, ma le trasferisce direttamente sull’HD).
Dopo i primi momenti di furia omicida ho iniziato a cercare le possibili soluzioni per recuperare i miei dati.
Prima di tutto ho provato collegando il drive ad altri mac, ma nulla da fare. Vuoto.
Ho iniziato così il primo tentativo di recupero dati utilizzando “Data Rescue 3” che con i recuperi dalle schede di memoria mi era sempre venuto in aiuto.
Dopo 7 ORE di scansione e analisi, dal registro dei recuperi non c’era traccia dei miei file (nonostante abbia comunque recuperato molto altro materiale).
Prossimo alla disperazione ho così provato per un ultimo tentativo, scaricando la trial di “Disk Driller” di cui avevo sentito parlare bene. Fortunatamente, dopo solo 2 ore di scansione e analisi potevo vedere i miei file. Per ripristinarli ho dovuto comprare la versione pro dell’APP (80 Dollari circa) ma sarei stato disposto anche a pagare di più per recuperare le mie foto.
Dopo un’altra mezz’ora i miei scatti erano di nuovo sull’hard disk, e sono stati immeditamente backuppati senza passare per il Mac Pro.

Happy Ending? Non proprio, per via di questo bug ora ogni volta che collego un disco esterno al Mac Pro sudo freddo (tra l’altro ho scoperto che mi aveva già fatto questo problema tempo fa con un altro disco, al quale non avevo fatto caso perchè non conteneva dati importanti). Purtroppo online non ho trovato nessuna soluzione definitiva a questo problema e pare che Apple non abbia ancora rilasciato nessun tipo di aggiornamento (#wewantsteveback).
Dunque, se avete Mavericks e usati molti dischi esterni state attenti, cercate di fare sempre dei backup regolari e nei casi più sfortunati fate affidamento su app come Disk Driller per il recupero.

Follow me on Facebook | Instagram | 500px

No Comments

Post A Comment